martedì 11 settembre 2018

IL TEATRO DELL'AULA



Molti pensano che la vita sia l’intervallo di tempo tra la nascita e la morte. Alcuni, tuttavia, sanno che viene offerta a tutti la possibilità di vivere più di una vita. Basta trovare il coraggio per dichiarare “morto” un periodo e l’energia per ricominciare da un’altra parte e in una situazione diversa.

Per me è sempre stata così. La vita come una serie di passioni a tempo, tutte sincere e generose. Ogni volta che si prospettava un cambiamento, mi si presentava anche la possibilità di una rinascita. I gruppi teatrali che sono nati e non morti, vivi nella memoria e nell’acquisizione di prospettive, tecniche, argomenti, sperimentazioni, esperienze sempre più ricche e arricchenti. Dalla Gabbia Aperta all’Altra Eva, da Tecneke al Teatro dei Passeri fino al Teatro dell’Aula attraverso decine e decine di lavori con scuole materne, elementari e medie, centri d’incontro, diversamente abili, collettivi, associazioni… un luna park scenico che spesso mi fa girare la testa.


Con quest’ultima dimensione concludo la mia “carriera”. E con un cambiamento per me imprevisto. Il passaggio dalla tragedia alla commedia. Quest’anno mettiamo in scena una “Alcesti in commedia” che porterà i miei ragazzi ad acquisire nuove abilità. Hanno impersonato dei ed eroi greci, hanno sondato la sfera drammatica al suo massimo grado, con le Baccanti, Medea e le Troiane. Ora li aspetta un pubblico  che vuole ridere, e per soddisfarlo devono imparare a ridere loro per primi. Devo apprendere nuovi ritmi, nuove relazioni attoriali, usi diversi della mimica… In poco tempo. Vorremmo presentare l’opera l’8 marzo, per la festa della donna. Ma sono ragazzi in gamba, ce la faremo.


Forse anch’io ho bisogno di prendermi una pausa dalla passione per la tragedia greca e ne approfitterò per ridere insieme a loro. Il lavoro di quest’anno sarà l’ultimo tassello per completare il mio libro sul teatro, un libro intitolato “Il Teatro dell’Aula”. È pronto, manca solo questo capitolo sulla commedia. Uscirà quindi prima della prossima estate.


Pubblicato il libro, mi sentirò davvero soddisfatto.


Perché percepisco come molto significativa questa esperienza? Perché il Teatro si inserisce nella scuola non come elemento estraneo o comunque proveniente dall’esterno, ma innestato nel corpo stesso della scuola. Gli alunni passano davanti all’aula, sbirciano, si incuriosiscono, fanno domande ai compagni che recitano, provano magari il desiderio di provare. Non è più solo una recita scolastica, è Teatro con la T maiuscola, ed è a loro disposizione. A me, questo, emoziona.


venerdì 31 agosto 2018

LAMENTO DI ERACLE


Aquilino, Lamento di Eracle, Eretica Edizioni



Eracle è conosciuto per le dodici imprese o fatiche. Ma la sua storia è molto più complessa. Cento rivoli si dipartono dal corso principale e si intrecciano, si sovrappongono, confluiscono in altri miti. Nelle “parerga”, le imprese successive, Eracle continua a fare incontri straordinari. Percorre il mondo per raddrizzare torti, conquistare città, salvare gli dei… e per amare. Amori diversi l’uno dall’altro, una gamma di comportamenti erotici che lo rendono simile a un libertino contemporaneo. Ama ragazzi, principesse, schiave, sacerdotesse, donne mostruose, amazzoni… Ma ogni volta la tragedia o semplicemente la fine del rapporto sono in agguato. Da qui il suo lamento. L’unica stagione felice è quella dell’adolescenza, quando ama le cinquanta figlie del re Tespio. Da quel momento accumula perdite strazianti, abbandoni, tradimenti… e rimane sempre a mani vuote. Un libro sul limite dell’amore? Sulla sua tragica impossibilità, forse. Ma anche sulla sua gloria proteiforme e irresistibile. Un libro di cronaca e riflessione sui diversi aspetti dell’amore e sui rapporti complessi tra uomo e donna. E sulla coscienza conflittuale di Eracle, voluto da Zeus forte e spietato, impulsivo e incontenibile, che però è disgustato da se stesso e dagli dei.

SINOSSI in base all’indice

L’esodo – Introduzione.
La prima volta rideva – Eracle fa l’amore per la prima volta, a quattordici anni, con una schiava intraprendente.
Il tempo dei giochi – Esiliato sul monte Citerone a fare il pastore, si impegna a uccidere il leone che terrorizza la popolazione; lo insegue per cinquanta giorni, ricevendo ogni notte in premio l’amore di una delle cinquanta figlie del re Tespio.
Non dite che non ho amato Megara – Riconoscente per la vittoria su Orcomeno, il re Creonte di Tebe dà in sposa la figlia a Eracle, ma lui dopo un periodo di serenità la uccide insieme ai figli, a causa della pazzia che gli manda Era.
Lacrime per Ila – Durante l’impresa degli Argonauti, le ninfe rapiscono l’amato Ila, il suo ragazzo. Eracle ricorda come lo ha conosciuto, durante l’assalto al regno dei Driopi il cui re ha ucciso, ed era il padre di Ila.
La mia amante guerriera – Incaricato di rubare la cintura della regina Ippolita, Eracle giunge nel regno delle Amazzoni con un manipolo di giovani eccitati. Faranno l’amore con le guerriere, ma Era le sobilla e nello scontro Eracle uccide Ippolita.
Nuda sullo scoglio – Il re Laomedonte di Troia ha ingannato gli dei Apollo e Poseidone negando loro due cavalli divini promessi. Viene punito con la richiesta di offrire la figlia Esione a un mostro marino. Eracle la salva e lei gli chiede una notte d’amore perché vuole un figlio da lui.
La donna nel serpente – In una regione selvaggia, Echidna, la creatura metà donna e metà serpente ricatta Eracle: un amplesso per la restituzione dei suoi due cavalli. Eracle accetta.
In guerra per una principessa – Il re Eurito di Ecalia nega a Eracle la figlia Iole messa in palio in una gara tra i migliori arcieri del mondo. L’eroe si allontana minacciando una guerra. Qualche tempo dopo, di nuovo vittima della follia mandata da Era, gli uccide il figlio Ifito.
La regina nella pelle del toro – L’oracolo di Delfi punisce Eracle mandandolo per un anno da Onfale, regina della Lidia. La deve servire come uno schiavo. Alla sua corte, vestito e truccato da donna, Eracle assiste a orge e manifestazioni di sadomasochismo. Se ne andrà prima del tempo, rifiutando la totale sottomissione.
Violenza su una donna – Nei dintorni di Sparta, all’interno di un tempio dedicato ad Atena, Eracle, ubriaco, violenta la sacerdotessa Auge.
La fine di ogni amore – Giunge il tempo di vendicarsi di Eurito. Eracle attacca Ecalia, la distrugge, massacra la famiglia reale. Porta via con sé Iole, suscitando la collera della moglie Deianira. Sarà l’amore a causare la sua morte sul rogo.

INCIPIT

L’amore? Non uno, cento. Con una schiava, con una moglie, con un ragazzo, con un’amazzone, con una donna bestia, con una regina, con una vergine del tempio, con me stesso…
L’amore ha tante forme che a volte non lo riconosci. Non è solo carne, ma soprattutto mente. Il cuore rimanga segreto, dentro una gabbia di ossa. Pulsa veloce dietro i pensieri libidinosi, riecheggia i fremiti della carne e te lo senti gonfiare in petto. Poi riposa. Non le tue voglie, mai. Insonni e ossessive.
Una vita di amori. Che cosa mi hanno fatto guadagnare? Una vita.
L’amore brucia, si dice. Brucia se stesso. Un incendio… e tutto è cenere. E come cenere mi sono ritrovato sul rogo del monte Eeta. Ogni guizzo di fiamma il ricordo di un amore. Il grido disperato di Deianira, lontano. Subito spezzato e ammutito.
Lasciatemi bruciare.
Ho amato tanto, ora voglio bruciare.
I miei santi amori!
Qua, venite tutti qua, incoronate la mia morte.
Eracle, non il semidio figlio di Zeus, ma l’uomo figlio di Anfitrione e Alcmena, l’uccisore di mostri, l’ubriacone crapulone, il distruttore di città, il civilizzatore, il raddrizzatorti, l’aggiustanatura, il fondatore, il salvatore, il santo.
L’amatore.
Guardatemi bruciare, ascoltate il mio lamento.
Faville salgono al cielo e formano nuove stelle.
Amate, figli, amate.

Cap. 1 - La prima volta rideva

La mia prima volta è stata a quattordici anni. Ero a Tebe e da due anni il mio padre terreno Anfitrione mi aveva tolto all’infanzia per affidarmi ai maestri più famosi. Castore per la spada, Chirone per la medicina e le scienze, Autolico per la lotta, Eurito per l’arco e Lino per la musica. All’inizio ero recalcitrante. Starmene chiuso in una stanza o in un cortile ad ascoltare, ripetere, esercitarmi, obbedire! Spesso punito per le omissioni e le intemperanze. Poi, con mia sorpresa, ho scoperto che molte attività erano appassionanti. Quasi tutte, ma non tutte. La musica… Con il mio primo maestro Eumolpo sì, mi strabiliava mostrandomi le stelle e chiedendomi di ascoltarne le armonie. Richiamato a Eleusi, fu sostituito da Lino… Che mi insultava, mi umiliava! Un  giorno mi ha colpito con il flauto e io ho reagito tirandogli lo sgabello. Una mano divina rancorosa lo ha guidato fino a fracassargli la testa. Eccomi trasformato in Eracle l’omicida. Di colpo sono emerse l’invidia per la mia condizione di semidio, la paura, la diffidenza verso il diverso. I vecchi giudici, soprattutto, e i sacerdoti... In un attimo, le voci adulanti mutate in berciare sprezzante.
Che sia esiliato da Tebe! L’impuro, il contaminato! Quello che chiama disgrazie sulla città!
Io mi fidavo di loro, i miei sacerdoti, i miei ministri, i miei concittadini. La sacralità, l’autorità, la comunità. Bah! A quattordici anni avevo già contro il mondo intero.
Ma c’era chi mi difendeva. Una delle ancelle, per esempio.
“Ha fatto bene!” ripeteva. “Quel Lino era un bastardo. Lo prendeva a cinghiate. Se lo esiliano, non temono l’ira di Zeus?”
Anfitrione riuscì a rabbonire i giudici, ma dovette accettare un compromesso: sarei stato lontano da Tebe per quattro anni, confinato sul Citerone a fare il pastore.
Scoppiai a ridere.
“Volete che faccia i formaggi?” dissi spavaldo. “Li farò. Se la città non mi vuole, starò meglio in mezzo alle capre.”
Ma prima di andarmene…
… si chiamava Neeria. Una siriana. Giovane, ma con l’animo risoluto di chi ne aveva passate tante. L’avevo già notata. Non perché fosse più bella di altre schiave. Ma perché, nonostante gli ordini ricevuti, era l’unica che osava guardarmi in faccia quando ci incrociavamo. I primi occhi femminili dentro i miei. Avevo provato imbarazzo, la prima volta. Non sapevo come comportarmi. E avevo cambiato strada. Le volte successive mi godetti l’incontro fugace. Poi imparai a rallentare il passo o a sostare con un pretesto per esplorare lo sguardo nero e profondo. Ci brillava una malizia che mi scatenava la curiosità. Mai interessato a una schiava, prima. Ne chiesi il nome a un compagno fidato. Formulai nella mente cento domande alle quali lei non poteva rispondere. Fantasticai sulle sue origini. Era forse figlia di un re? Di un generale sconfitto? La Siria com’era? E cominciai ad allargare la visione sul collo, le spalle, i seni, i fianchi… Come ampliare la visione sul mondo. Volevo sentirne la voce, ma nessuna schiava poteva parlare al semidio. Un giorno che le passavo vicino le nostre mani ebbero un contatto segreto della durata di un soffio. Bastò per farmi eiaculare più tardi, in un anfratto delle mura.
Il giorno successivo percorrevo un corridoio. Solo l’eco dei passi. Sospiri di spettri, si dice. Non c’era nessuno, tutti nel cortile d’onore per una parata. Io non ero gradito. Ma lei lo aveva immaginato. Era venuta in cerca di me. La vedo avvicinarsi come se volasse, così leggera. Ecco, siamo faccia a faccia. Seri, ci fissiamo come se ognuno dei due fosse a colloquio con il soprannaturale.
Il cuore mi batteva forte e veloce. La sua mano mi afferrò il polso, mi trascinò via. In una piccola stanza dove si tenevano le cose necessarie per i lavori quotidiani.


domenica 10 giugno 2018

AUTORI EXPO

Sono socio del CENDIC (centro nazionale drammaturgia contemporanea). Tra i servizi offerti, una pagina di presentazione degli autori. Ecco  un articolo:


E qui la mia pagina:



giovedì 31 maggio 2018

DIECI ANNI DI TEATRO



Un'ottantina di immagini per ricordare gli spettacoli allestiti negli ultimi dieci anni. Mancano quelli "piccoli", nati da occasioni in collaborazione con le scuole. E di alcuni sono solo il drammaturgo (quelli con la compagnia Lupusagnus). Penso di avere imparato molto, soprattutto per la necessità di dovere provvedere a tutto: testo, regia, scenografia, costumi, coreografie... Ora questa esperienza dovrebbe confluire in una fase nuova. Forse a inaugurarla sarà l'"Edipo re" di Sofocle, riscritto in piena libertà espressiva. Forse il laboratorio con i più piccoli metterà in scena fiabe per i bambini della Scuola Materna. Forse... I forse appartengono al mondo delle ipotesi, dei desideri, dei sogni. A me piacciono molto. Aprono possibilità senza confini. Poi ci si confronta con la realtà e una parte del lavoro è già stata fatta nell'immaginazione.











domenica 20 maggio 2018

LABORATORIO KALON 2008-2018

Dieci anni di teatro nella scuola, con la scuola e per la scuola. Tutto finito. Non c'è più uno spazio per il laboratorio. Spiace per la scuola. Era solo un'aula, ma quanti ragazzi ci sono passati! Quante scenografie! Quante attività diverse! Spettacoli con le Classi Quinte, spettacoli con le classi di scuola media, laboratorio con i ragazzi demotivati, messe in scena sul bullismo, scene dagli autori classici, le tre elaborazioni delle tragedie greche (Baccanti, Medea, Troiane).
Dal Teatro dei Passeri al Laboratorio Kalon. Ringrazio tutte le persone che mi hanno aiutato. E' stato faticoso, ma le avventure sono così: ansia, fatica, incertezza, timore... e poi si arriva comunque al palcoscenico per una o due repliche al massimo. Nel frattempo, i ragazzi ne sanno più di prima su se stessi e gli altri, sul proprio corpo e sul proprio carattere.

Teatro anomalo. Ho ricoperto i ruoli di drammaturgo, regista, coreografo, musicista, scenografo, tecnico... L'intero spettacolo sulle mie spalle. Per questo ritengo di avere imparato molto. Lavorando sempre con esordienti spesso timidi, ritrosi, quando non manifestavano una decisa opposizione. Il teatro coinvolge e non tutti gradiscono questa intrusione nella loro privacy. Di solito, con pazienza, si arrendono e danno il loro contributo. E' sempre stata una gioia verificare i cambiamenti e i miglioramenti.

E ora? Ora viene l'estate. Si ricomincia con il sole. Dove? Da un'altra parte, grazie all'Assessorato per la Cultura. Ora devo elaborare un modo nuovo di fare teatro. Mi piacerebbe fare lavorare i ragazzi con gli adulti. Si vedrà. Ho inmente l'Edipo di Sofocle. Si vedrà. Per il momento è ancora primavera.



martedì 8 maggio 2018

IL MANGIALIBRI 2018



Torna il concorso di lettura e scrittura con centinaia di ragazzi partecipanti: tutti gli alunni delle classi seconde, terze (la novità di quest'anno: il Babymangialibri!), quarte e quinte elementari e quelli delle prime medie. Premi per i primi tre per ogni ordine di classe, premi per correttezza linguistica, originalità, profondità di pensiero e poesia. Due premi dalla libreria "La Talpa" di Novara che ha collaborato entrando in giuria. Un ringraziamento agli insegnanti che hanno selezionato tre lavori per ogni classe. 

Laboratori nelle classi Quinte e Prime medie di prosa e poesia condotti da me, per fare scoprire le potenzialità espressive della parola in un rapporto coinvolgente, appassionante e ludico con la scrittura

Ci sono tantissimi ragazzi che amano leggere e scrivere. E che lo sanno fare bene. METTIAMOLI SUL PALCOSCENICO! E ACCOGLIAMOLI CON UN GRANDE APPLAUSO! Prima della premiazione, lo spettacolo "Tre donne e un lupo" con gli attori esordienti del "Laboratorio Kalon". Vi presentano la versione popolare di "Cappuccetto Rosso".


sabato 5 maggio 2018

LE DONNE DI ILIO: il video.


"LE DONNE DI ILIO" di Aquilino, ispirato alle "Troiane" di Euripide. Laboratorio Kalon con ragazzi dai 10 ai 13 anni. In Oleggio (Novara).

giovedì 26 aprile 2018

IL TUO NOME È CORAGGIO


PINO BOERO
Diverso è il caso di  Il tuo nome è coraggio di Aquilino (Einaudi ragazzi, € 12,00, da 11 anni) in cui lo scrittore di cui apprezzo anche la coerenza stilistica (è “rapido” nella scrittura senza cedere alle mode dell’impoverimento linguistico, è capace di cogliere un sentimento in poche battute) racconta di due fratelli migranti figli, però, di un padre coraggioso, capace di opporsi ai trafficanti di uomini… Separazioni, dolorose esperienze, piacere del ritrovarsi: Il tuo nome è coraggio non è saga di buoni sentimenti, ma invito a una pacata riflessione lontana dai roboanti proclami di chi amplifica le paure del “diverso” e dimentica i colpevoli opportunismi della nostra “civiltà”.